Seleziona una pagina

Non ci sono dubbi che il social media marketing è uno degli strumenti più utilizzati anche dalle piccole e medie imprese, ma non tutti riescono ad usarli nel modo giusto.
Ecco i 7 errori più comuni da evitare nella tua strategia social.

Usare tutti i social media

Facebook, Instagram, LinkedIn, Pinterest, Twitter: ce ne sono così tanti che sembra impossibile non doverli utilizzare tutti. Eppure questo è il più semplice dei tranelli in cui cadere, soprattutto se sei all’inizio della tua strategia online. Comincia con uno o al massimo 2 social media, poi quando sarai riuscito a creare una comunità attiva attorno al tuo brand potrai cominciare ad esplorare nuove piattaforme. Tiene sempre e comunque presente che tu devi essere dove ci sono i tuoi clienti. E questo ci rimanda al prossimo punto.

Sbagliare ad identificare il tuo pubblico

Non tutti gli utenti dei social sono uguali. E’ vero che il 59% degli iscritti a Facebook hanno un’età compresa tra i 25 e i 54 anni e che il 71% degli utenti di Pinterest sono donne. Ma si tratta di statistiche generali, su cui non puoi basare la tua intera campagna. Cerca sempre di capire qual è il tuo cliente ideale, le sue esigenze, i suoi dubbi e costruisci la tua strategia social in base a questo. Se avrai fatto bene i tuoi ragionamenti, basandoti magari su dati che già possiedi, come gli insight delle pagine social o i dati della tua newsletter, saprai dove e come trovare il tuo target ideale.

Postare senza una strategia chiara

Sui social è molto semplice farsi prendere dall’ansia di postare e finire col mettere online citazioni celebri e dolci gattini con l’unico intento di acchiappare like e cuoricini. Niente di più sbagliato. Se il contenuto non riflette una precisa strategia non riuscirai mai a vendere di più (perchè – diciamocelo – alla fine tutti vogliamo vendere…). Ti sarai basato solo sulle cosiddette vanity metrics, che sono un inutile metro per valutare i tuoi successi. Pensa piuttosto a cosa l’utente sta cercando in quel momento, cosa si aspetta di trovare e come puoi aiutarlo: sei in grado di risolvergli un problema? Puoi dargli informazioni e consigli che lo aiuteranno nel suo business?

Postare troppo o non abbastanza

Sfortunatamente, non c’è un tool magico che ti dirà esattamente quanto spesso dovrai postare su ogni social. Ci sono molte ricerche che ti indirizzano su quale potrebbe essere il momento giusto per pubblicare su ogni social, ma secondo Michael Stelzner non importa quando deciderai di farlo. Se il contenuto è di qualità sarà visto, letto e commentato indipendentemente dall’orario in cui l’hai messo. Pensaci!

quando postare

Usare i social media in modo unidirezionale

La bellezza dei social media è che permette una conversazione a due direzioni. Se li usi come se fossero degli strumenti unidirezionali solo per spingere i tuoi messaggi, ti stai perdendo un sacco di benefici. Ad esempio, coinvolgere la tua audience ad un livello profondo, gestire meglio la tua reputazione e imparare come puoi andare meglio incontri ai bisogni del tuo mercato. Più ascolti gli attori del tuo settore, i competitors e i leader del mercato sui social media, più riuscirai ad usare i social in modo più efficiente.

Ignorare le attività del tuo settore

Non sei il solo attivo nel tuo settore che usa i social media. I tuoi partner, i membri della comunità, i business collegati al tuo e gli influencer hanno sempre i propri account e seguaci. Non usare i social media come se fossi in una bolla, al contrario cerca di interagire con tutti condividendo i loro post, commentando i loro contenuti e cercando di relazionarti con loro per aumentare la tua audience.

Evitare di analizzare e misurare i dati

Se non conosci che tipo di risultati stai generando dai social media, come puoi sapere di essere sulla strada giusta? Evitare di analizzare i tuoi dati è un grande sbaglio. Anche se la maggior parte degli stessi social media manager trova questa attività molto noiosa e difficile da fare,  in realtà non è così. Nel momento in cui hai definito i tuoi obiettivi, ti basta sapere quali metriche andare a verificare nel pannello degli insight con una cadenza regolare (ad es. mensile o settimanale) e il gioco è fatto.

E tu? Sei stato vittima di uno di questi errori? Scrivicelo nei commenti!

Pin It on Pinterest